Identità veneta: dopo il 25 aprile, anche S.Marco lo vedo a pericolo.

Cioè? Un extracomunitario?”

Zà.”

E non gh’aveva la citadinansa?”

Ma figurite!”

E da nialtri, come el xé rivà?”

Uh, i soliti maneggi..sarà stada la Caritas… i ghe gh’aveva trovà un lavoreto de comodo, in basilica, ad Aquileia…”

‘Sti stronsi…fusse par lori, tutti a casa nostra li portaria, i foresti… e dopo?”

Eh, ma dopo i lo gh’ha parà via, el g’ha dovesto tornar dai sui…”

In Africa?”

In Egito.”

Ostrega, manco mal… ma come xé che el xé tornà qua ancora?”

Eh, figurarse… i sé come i sorzi, i se imbusa dapartuto! I lo g’ha sconto dentro ‘na zesta de carne de porco. I doganieri no g’ha miga vardà ben e eccolo là, el xé tornà qua da nialtri!”

So amia! E nialtri li mantenimo tutti, a la fin fine!”

E ciò. E nialtri paghemo!”

E i lo venera, adesso, quasi ch’el fusse un santo!”

Eco, come se ne ghe ne fusse de nostri, da cantarghe mesa sui altari!”

Zà. Poareti i nostri, che li xé sempre tengui indrio, mentre ‘sti foresti i va vanti…”

Ma secondo ti i ghe lo g’ha dito, a Zaia e ai sui, che S.Marco el giera un extracomunitario imboscà?”

6 Comments

I commenti sono chiusi.