Tempo libero

orologio

Di tutto il discorso di ieri alla Confesercenti, confesso che il passo che mi ha dato fastidio più di tutti è stato quello in cui Silvio si lamentava di dover passare i sabato mattina con i suoi avvocati, per studiare le difese da usare nei vari processi in cui è coinvolto.

Lo citava come un esempio di somma ingiustizia, Silvio, questo suo dover rinunciare a dei momenti di riposo per conferire con i suoi legali.

È per questo che io con Silvio non riesco a trovare dei punti di contatto. Che uno sia costretto a rinunciare a qualche ora di tempo libero per risolvere le sue grane private, io, per esempio, lo trovo del tutto normale.

4 Comments

  1. Vorrei essere un avvocato di Silvio per diversi motivi:

    1) Non avere problemi economici.
    2) Scrivere leggi che firmano altri.
    3) Scrivere leggi così male da farle risultare incostituzionali, godendo nel vedere i firmatari messi alla berlina.
    4) Dire a Buttiglione che sto leccando l’ultimo gelato rimasto nella buvette di Montecitorio e osservare i suoi occhi diventare lucidi.
    5) Andare ogni sabato mattina (presto) a rompere i coglioni a Berlusconi.

    Mi piace

  2. Certo lui gli avvocati se li può permettere.
    Ma i morti sul lavoro che ogni giorno pagano un tributo di sangue alla produzione di ricchezza ( mai equamente divisa) e le loro famiglie non avranno nè un avvocato, nè giustizia, nè memoria.
    Se fosse una persona dovrebbe dedicare almeno un sabato al mese a vergognarsi delle sue affermazioni.

    Mi piace

  3. Momenti di riposo? Ma non era quello che lavorava sempre senza fermarsi mai (altro che 40 ore), anche alla sua età (altro che pensione) ovviamente solo ed esclusivamente per il bene del paese?
    Mi devo essere perso un passaggio…

    Mi piace

  4. E’ stato come assistere ad un’assemblea di cospiratori. Intendo dire che mi è difficile capire quell’applauso che ha ricevuto quando ha detto quella cosa, e cioè che il sabato mattina lo passa con i suoi avvocati. Se era una cosa per cui compatirlo credo che il silenzio fosse più adeguato, se era invece qualcosa per cui provare solidarietà e vendetta vero i suoi persecutori chi ha applaudito è un delinquente. Abbiamo quello che ci meritiamo non c’è che dire. Spero tanto che gli venga un colpo in mondovisione.

    Mi piace

I commenti sono chiusi.