Vade retro, foemina!

Vi propongo una dotta riflessione copiata paro paro dal sito aNordest:

La nostra geniale antropologa Ida Magli l’ha scritto più volte: quando le donne entrano in una professione in modo massiccio, gli uomini scappano, e quella professione diventa un femminaio. Finisce per diventare un chiacchiericcio, un “punaro” come si dice dalle mie parti. Per l’Uomo tutto ha un senso e il fatto che a svolgere una professione ci sia un uomo o una donna acquista un senso anche se non ce l’ha. Le scuole sono nelle mani delle donne. E oggi, in Italia, abbiamo le peggio scuole mai avute. La Magistratura ha ingaggiato lotte serrate con il potere politico. Oggi schiera donne-magistrato e perde su tutti i fronti. Là dove arrivano le donne arriva la perdita di prestigio e di potere. Le professioni si femminilizzano e la femminilizzazione, per il maschio, è pur sempre un passaggio verso l’omossessualità.

Volevo avvertire i miei lettori maschi del pericolo: continuate a leggermi oggi, continuate a leggermi domani, una mattina c’è il rischio che vi svegliate gay.

PS. Voi vi rendete conto, vero, che io in mezzo a questi ci vivo?????

23 Comments

  1. “Voi vi rendete conto, vero, che io in mezzo a questi ci vivo?????”

    Talvolta ci penso, Profe Galatea, e Vi compiango. Ma ho già notato che avete le spalle forti.

    Notevole comunque il sito aNordest, ricco di perle. E lo stile sobrio dal vocabolario elegante ricorda molto i migliori oratori legaioli di sempre. Una piccola miniera da scoprire. A piccole dosi, come l’arsenico.

    "Mi piace"

  2. Ma come si fa a dire e peggio ancora a scrivere delle baggianate del genere? Quando leggo ste robe vado via di testa. Ma come si permettono di denigrarci in questa maniera? E chi è questa Ida Magli?????
    Parliamo allora di come và il mondo: è governato da maschi, e non mi sembra che ce la passiamo tanto bene.
    Allora, come la mettiamo?

    "Mi piace"

  3. Io, prima di cominciare a leggerti, mi sono vaccinato. Non temo le influenze. Un solo quesito: “punaro” sta per “ponaro” cioè stia di polli?
    E poi lo sai… “io vivo sulla luna”
    😀

    "Mi piace"

  4. Veramente io avrei detto il contrario. Cioe’, molto spesso ho l’impressione che nel loro lavoro le donne si sforzino di apparire come apparirebbe l’uomo che facesse lo stesso lavoro. E non solo nel vestire. La marcegaglia e’ stata gia’ citata, ma pensate a donne come la Condi Rice. E’ una donna quella?

    "Mi piace"

  5. Beh non si puo’ negare che i peggiori coglioni della storia siano usciti da un ventre femminile.

    Comunque ho cominciato a sculettare, e’ gia’ entrato in circolo?!

    "Mi piace"

  6. Ida Magli è una esimia antropologa, l’ulteriore demerito del pezzo che Galatea ci segnala è quello di demistificare il pensiero di una grande studiosa.
    Tieni duro Galaxy!

    "Mi piace"

  7. >La Magistratura ha ingaggiato lotte serrate con il potere politico. Oggi
    >schiera donne-magistrato e perde su tutti i fronti.

    … intanto, nel “palazzaccio”…

    Avvocato: … e pertanto mi rimetto alla clemenza della corte, rappresentata con illuminata saggezza da lei, presidente di questo onorevole tribunale. Grazie, ho finito. (si siede)
    Magistrato: (giocherella col martelletto) Bah…!
    Avvocato: (scuote la testa in direzione del giovane ucraino)
    Ivan: (sussurra) Проклято! (Accidenti!)
    Magistrato: Come?
    Avvocato: (pronta) Il mio assistito esprime piena fiducia nella giustizia italiana!
    Cancelliere: (sotto voce) Non sarebbe il primo pirla…
    Magistrato: (indica Ivan) Si alzi.
    Ivan: Кто, я? (Chi, io?) Хороший знак? (Rivolto all’avvocato: È buon segno?)
    Avvocato: (strattonandolo forte per la giacchetta) E alzati in piedi!
    Ivan: (stranito) Почему? (Perché?)
    Magistrato: (osservandolo da capo a piedi) …
    Cancelliere: (osservandolo da capo a piedi) …
    Magistrato e Cancelliere: (dubbiosi) Insomma…
    Avvocato: L’importante è non farsi ingannare dalle apparenze. Non avete di fronte a voi un semplice scippatore o un comune venditore di false griffe, io vi presento la crema della gioventù slovacca…
    Ivan: УКРАИН!!! (UCRAINA!!!)
    Avvocato: … una miscela esplosiva di muscoli, ormoni e intelligenza!
    Cancelliere: Glieli ha venduti lui quel paio di orecchini tarocchi?
    Magistrato: Se era intelligente non si faceva baccare al parco con la “coca” in tasca.
    Avvocato: (si strappa gli orecchini) Non era sua.
    Magistrato: Ma lo spinello in bocca sì.
    Avvocato: Qui ci stiamo aggrappando a particolari di nessuna importanza. (spingendo Ivan) Guardate la sua poderosa falcata…
    Cancelliere: Che è, un cavallo?
    Avvocato: (indica felice il cancelliere) Un cavallo!
    Magistrato: (sorridendo) Avvocato Annodini Silvia, la sua arringa non mi ha convinta affatto. (si sporge) Con quelle “scarp de tennis” poi…
    Avvocato: Che numero porti?
    Ivan: Copoktpи. (43)
    Avvocato: (frugando in un borsone) Ho qui un mocassino nero, morbido e molto trendy, perfetto per le giornate estive fuori porta, un 39 che le calzerà a pennello.
    Ivan: Очень малюсенько! (Voce gergale di un ucraino il cui piede viene stretto in una morsa di ghisa)
    Avvocato: (fra i denti) Gni-a-i, ai edèr dee.
    Ivan: ?
    Avvocato: (meno fra i denti) Girati, fai vedere il sedere.
    Ivan: (si volta, umiliato)
    Magistrato: (fa un gesto)
    Avvocato: Ed ora Ivan mostra al presidente Dunpezzo Carlotta le sue ricchezze!
    PM: Eh no! Fermiamo la farsa! Qualcuno s’è dimenticato che in aula c’è anche un uomo!
    Ivan: Вахты человека, чем мы в дно! (Guarda che siamo in due!)
    Pubblico: (rumoreggia a sfavore del PM)
    Ivan: (resta in canotta nera e gonfia i muscoli)
    Cancelliere: A me non piacciono muscolosi, ma quella barbetta incolta…
    Magistrato: Il Pubblico Ministero non ha convinto il tribunale, cadono tutte le accuse presentate, l’imputato è libero. Verrà rimpatriato sabato…
    Cancelliere: (si schiarisce la voce)
    Magistrato: … lunedì. Ora è pregato di seguire il cancelliere Fregola Maria Grazia per espletare le ultime formalità.
    Ivan: Перед тюремным офицером дьявола, после этого inexpert полицейский, теперь эта тучная женщина! (a voi la traduzione)
    Avvocato: (si toglie le scarpe e si stravacca sulla poltroncina, esausta)
    Pubblico: (applaude e sgombera soddisfatto)
    Magistrato: (attaccando un guinzaglio al collare del PM) Andiamo su!
    PM: COSA?! Ho un pluriomicida fra mezz’ora…
    Magistrato: A cuccia!
    PM: Sì, mia padrona…

    "Mi piace"

  8. …Ma, mi sfugge qualcosa? Non era cosi’ cogliona Ida Magli! E adeso scopro che scrive alacremente sul Giornale. Boh.

    "Mi piace"

  9. @->Schatten: non ho la più pallida idea di quale opera della Magli sia presa ad ispirazione. Ma, avendo letto qualcosa di suo, dubito che abbiano minimamente capito cosa eventualmente fosse sostenuto dall’antropologa in questione.

    "Mi piace"

  10. Urgh… era da quando studiavo da antropologo che non frequentavo più gli scritti di Ida Magli (da allora persa di vista). Quello che lessi allora mi piacque, ma dopo aver letto al link segnalato qui sopra, devo dire che sono basito.

    "Mi piace"

  11. Grazie Mario, Ida Magli sta a Giuliano Ferrara come la cacca sta alla mosca.
    P.S. Mi scuso della volgarità con le cacche e le mosche.

    "Mi piace"

  12. scusate, leggo ora e riporto. So che l’avete tutti letto, ma questo è incredibile… è una perla che meriterebbe il tag: “cazzata della settimana”:
    di Ida Magli da http://www.italianiliberi.it
    “Il giorno in cui il Governo avrà ratificato il Trattato di Lisbona non esisterà più l’Italia come Nazione. Gli Italiani non possederanno più una patria; così come, con la eliminazione dei confini, già non possiedono più un proprio territorio. La sovranità e l’indipendenza saranno soltanto un ricordo. “Breve ricordo” per un popolo che è stato dominato, occupato, governato da stranieri per la maggior parte della sua storia.
    Chi avrebbe mai potuto pensare che, dopo una guerra così tragica, combattuta per il folle sogno di Mussolini di essere alla pari con la Germania, ci saremmo ritrovati a voler essere ancora dominati, guidati dalla Germania? Questo è infatti il vero motivo della costruzione europea: la Germania comanderà sull’Europa con la pace invece che con la guerra.”

    Sarà che Bruno Magli fa solo (ottime) scarpe ma, tra i due, preferisco il secondo. Almeno con un buon paio di scarpe si può andar lontano (via lontano, intendo).

    "Mi piace"

  13. La cosa funziona anche al contrario?
    Voglio dire: una donna che lavora tra tanti uomini rischia di diventare omosessuale? Magari le viene la barba?
    No, perchè… nella mia classe ci sono ben 17 maschi, mentre siamo solo 3 femmine, c’è il rischio che comincino a piacerci il calcio, i porno, i rutti, le tette…
    Non si sa mai, quasi quasi mollo la scuola e vado a sfornar figli.

    "Mi piace"

  14. sai una cosa strana Gala… la storia della Germania che comanderà sull’Europa e dell’europa Germanizzata fu detta tanti anni fa da Romano Prodi. Ripeteva questa idea nello spot di un programma che fece sulla rai su economia e europa.. lo ricordo perfettamente perchè mio padre era ancora vivo e ne discussi con lui!
    Ma parliamo davvero di tanti anni mio padre è morto nel 1987!
    Ida Magli è strana, ho seguito le sue lezioni all’Università da ragazza anche se non era nel mio corso perchè mi sembrava molto brava e diceva cose interessanti ma allo stesso tempo chi faceva esami con lei me l’ha descritta in maniera pessima…
    di certo era molto assolutista nei concetti, cosa che trovo sempre negativo, un brutto viziaccio dei professori soprattutto universitari, sentirsi depositari della VERITA’ mentre la conoscenza è un continuo fluire e cambiare migliorare e andare avanti
    Enrica che odia quelli che si sentano il buon pastore perché è una capretta disubbidiente dalla punta delle cornine agli zoccoletti (non escludendo la coda e la barbetta!)

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.