Dove andremo a finire, signora mia. Alla festa della Lega si balla la danza del ventre?

I dirigenti leghisti hanno innalzato vibrate proteste. Insomma, su, non si può. Sono pur sempre le ragazze candidate a Miss Padania, quelle che sfilano sul palco in costumino verde, sorriso celtico e falcata sicura di chi potrebbe passare il Po con il solo stacco di coscia, ma non lo fa perché a sud del grande fiume sono tutti terroni.

E allora va bene dimenarsi e zompettare su canzoni italiche, anche se magari gli autori non sono di Busto Arsizio, perché le canzoni napoletane le ha sdoganate il Sentur. Passi anche muoversi a ritmo di musica americana, perché è vero che la maggior parte degli autori sono négher, ma sono négher americani, quindi con i soldi, e perciò sempre négher, per carità, ma si può chiudere un occhio.

Ma che le nordiche fanciulle, ad un certo punto, pretendano di ballare una danza del ventre, su musiche arabe, eh no, si sono detti i Leghisti, questo è troppo: è una vergogna, un tradimento ai valori dell’Occidente, anzi un vero e proprio sfregio, come se a Calderoli offrissero un piatto di cuscus.

E poi, ragazze, un po’ di buon senso: si sa che alle feste della Lega l’unico ventre autorizzato a ballonzolare felice è quello di Borghezio.

6 Comments

  1. Le ragazze si sono giustificate sostenendo che ballarla, la danza del ventre, sul va pensiero verdiano, beh! non era cosa. E poi quale danza del ventre? Era solo la sagra e l’esposizione compulsiva dell’ombelico che loro non avevano nemmeno un grammo adiposo.

    "Mi piace"

  2. Link aggiornato chez moi.
    Ti stavo disperatamente cercando per i procellosi mari del web!
    Merci bien

    Ton ami (*) bolì

    (*) da non trasporsi in mona_mi!

    "Mi piace"

  3. Così, di prima mattina,senza un avvertimento,un cacchio di bollino rosso……, l’immagine oscena del VENTRE BALLONZOLANTE di BORGHEZIO.

    "Mi piace"

  4. Da buon maschietto cimbro-carniolo, impaziente, vado subito a scorrere la galleria fotografica segnalata. Davvero carucce e ruspanti queste nostre longobarde. :-O
    Le fanciulle dai colori vivaci attorniano l’acciaccato capopolo, che appare rinfrancato, ringalluzzito. Abigail col comatoso re Davide non avrebbe potuto fare meglio.
    La numero 6, alta, ampio sorriso, lineamenti decisi da schietta nipotina di Brenno, si guadagna un buffetto. Si sa che la carezza del re val bene a stabilire un ordine di beccata.
    Sara’ sottosegretaria, vae victis! 😉

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.