Una volta ci si fidanzava in casa, oggi all’ansa…

Ci sono volte in cui rimpiango di non essere la donna di un uomo potente. Ma mica perché vorrei andare con lui sull’autobblù, farmi venire a prendere dall’elicottero, avere intorno un stuolo di bodygard ogni volta che esco a prendere il gelato, accompagnarlo alle prime teatrali, sui red carpet, negli incontri ufficiali in cui il Dalai Lama, per dire, ti regala una sciarpetta.

No, è solo che mi divertirei come una matta a poter dire ad una presunta rivale: “Giù le mani, è mio!” con un comunicato stampa, ecco.

4 Comments

I commenti sono chiusi.