Il Babbo Natale giusto

mafalda-pensierosa

I due bimbi sono seduti al bar, davanti ad una tazza fumante di cioccolata.

A me Babbo Natale ha portato il Nintendo portatile.” dice lui tutto orgoglioso.

Lei fa una smorfietta: “A me il karaoke delle Wings e l’ipod nuovo.”

A me ha portato anche la Playstation, due giochi, la gazzella della polizia radiocomandata e una felpa!”

E a me gli stivaletti nuovi, due maglioncini, la borsetta di Pukka e la trousse di ombretti di Hello Kitty!” rilancia lei, piccata.

Lui si rabbuia un attimo, pensieroso. Poi si illumina:
“A mio papà Babbo Natale ha portato la Porsche!”

Lei si arrende, sbuffando, e tuffa il cucchiaino nella panna montata.

Io li guardo e medito sul fatto che, evidentemente, non conosco il Babbo Natale giusto.

3 Comments

  1. Dunque… io ne conoscevo una variante con una escalation finale assai più volgare, ma tanto più volgare,ma tanto tanto più volgare, ma così tanto che non è bene raccontarla in casa d’una così raffinata Ninfa.
    ( E comunque, nella versione che conoscevo il bimbo risoluto ed esibizionista affermava scoprendosi “e comunque io ho questo…”; sicchè la bimba lo zittiva cinicamente scoprendosi anche lei e sentenziando: “io invece ho questa…. e con questa….. sai quanto posso averne di quei…..” .
    Scritta così risulta meno volgare,nevvero?)

    Inchino e baciamano.
    Ghino La Ganga

    Mi piace

  2. @->Ghino: Sì, certo… deve essere il “nevvero?” finale che fa sempre chic.
    PS: Sì, la “variante” in realtà la conoscevo anche io… mi sa che Vossignoria fa un po’ più raffinata e beneducata di quanto non sia in realtà, purtroppo… 😉

    Mi piace

I commenti sono chiusi.