Il Codice Berlusconi

gioconda muta

C’è un complotto, c’è un complotto.

Al centro il partito di Repubblica, una associazione segreta che, per rimanere meglio nell’ombra, pubblica ogni mattina un giornale. Gli articoli di fondo di Scalfari sono da sempre il mezzo per trasmettere le direttive segrete: il che spiega perché non ci sia mai capito un caspita. Alla società segreta è affiliato Murdoch: un comunistaccio di quelli che lévati. É così furbo che si è finto un magnate strapieno di soldi, ed australiano, mentre in realtà è un ex agit prop di Abbiategrasso, e ha pure una zia a Rho. Noemi Letizia, secondo i bene informati, non è la figlia segreta di Berlusconi, e tanto meno la sua amante, ma la cugina di terzo grado di Franceschini. Qualcuno sospetta che sia addirittura Franceschini stesso, senza occhiali, con una parrucca bionda ed un trucco dozzinale. Quanto a Veronica, non serve manco dirlo: una infiltrata, anzi una vera e propria cellula dormiente. Il Pci bolognese le fece sposare Silvio in tempi non sospetti, per poter poi divorziare da lui con il massimo clamore, quando le circostanze lo avessero richiesto. Gli ordini le venivano passati da Massimo Cacciari: glieli infilava dentro i libri che le prestava, facendo passare i bigliettini per dichiarazioni d’amore in tedesco.

Carlo de Benedetti e Pierferdinando Casini sono i due Grandi Vecchi. De Benedetti ai tempi dell’Olivetti memorizzava tutto in un gigantesco supercomputer, solo che, quando è uscito il Mac, mannaggia, i dischetti dei dati non sono stati più leggibili. Per questo si sospetta un coinvolgimento nel complotto dello stesso Bill Gates, un miliardario che non si è mai fatto un lifting, tiene gli occhialetti da secchione, non vuole entrare in politica e non organizza party piccanti nelle sue ville, pertanto è sospetto.

Pierferdinando Casini, invece, si è mimetizzato da inutile belloccio della politica per non farsi sgammare subito, sperando che lo scambiassero per un Rutelli. In realtà non è nemmeno mai stato democristiano, ma comunista; ha studiato alla scuola di partito in Russia, ai tempi d’oro, raccontando ai genitori che andava in oratorio ad incontrare Forlani e anche adesso, la sera, dice ad Azzurra Caltagirone che va al night club, e invece si chiude in un sotterraneo con un nucleo di fidati compagni, con cui canta l’internazionale e bestemmia, tenendo in mano il Capitale di Marx.

La società segreta ha ordito un piano sofisticatissimo, che consisteva nell’aspettare che Berlusconi si sputtanasse da solo, a furia di Veline e gaffes internazionali, per poi non fare praticamente nulla, riducendo però nel frattempo l’opposizione ad un cumulo di macerie, così il Berlusconi – qui sta la trovata veramente geniale – avrebbe pensato di averli fatti fuori tutti e regnare incontrastato. Per meglio convincerlo di ciò, continuano a lasciarlo regnare incontrastato: i comunisti sono furbi, furbi, furbi.

Questo, in sunto, le coordinate del piano segreto, quello che Cicchitto vorrebbe conoscere nei minimi particolari, pur avendone intuito l’esistenza a grandi linee.

Ma io a Cicchitto non glielo dico, no. Piuttosto, lo rivendo a Dan Brown.

33 Comments

  1. guarda che i comunisti son furbi, soprattutto quelli all’estero, dove attaccanno il nostro stimatissimo premier da roccaforti comuniste quali Frankfurter Allgemeine, el Pais e le Monde.
    Ormai sono dappertutto, come i gremlins.

    😀

    Mi piace

  2. I comunisti sono furbi furbi furbi. Tre volte furbi…… la cosa però non suona bene…. pazienza… tanto lo lasciano ugualmente rovinarsi con le sue mani no?
    Bello!
    Ciao Ross

    Mi piace

  3. In effetti, quanto a delirio complottistico, il tuo pezzo è molto più divertente del mio. Peccato che sia umorismo involontario.

    Mi piace

  4. Mi sembra un bel match ! Ma non esattamente d’umorismo.

    Come sempre accade quando di vuol vedere tutto col paraocchi, da destra e da sinistra.

    Mi piace

  5. si vede che decine di milioni di italiani sono andati a votare negli utlimi 15 anni per umorismo involontario e
    sempre per umorismo involontario avete perso e perderete
    le elezioni
    sarà umorismo involontario il mio
    povero cafone sgrammaticato di centrodestra…

    ma la vostra saccenteria volontaria
    vi sta seppellendo di ridicolo tra la gente
    che non capite più

    esci dal mondodigalatea nel web e và nel mondo reale e spiegami perché
    anche nelle regioni rosse vi bastonano e votano lega
    spiegami perché pur di non votare nessuno di voi
    preferiscono votare il campione di umorismo involontario

    se veramente berlusconi é così tremendamente out per voi
    non vi chidete mai quanto siate lontani anni luce dalla gente
    che preferisce comunque votare uno così naif
    piuttosto che uno di voi

    e non credere che questa vostra finta superiorità culturale corrisponda alla leganda della egemoniua gramsciana…
    leggi qui

    http://laconoscenzarendeliberiblog.wordpress.com/2009/06/02/la-storia-ditalia-che-nessuno-racconta-noi-guidiamo-la-macchina-e-voi-discutete-di-quel-che-vi-pare-durante-il-viaggio/

    Mi piace

  6. @->Frz40: Il senso dell’umorismo e del parodosso latita del tutto dalle tue parti, neh? Peraltro, mi pare molto strano che abbiate i nervi tanto scoperti da gridare in tal modo per un post di bonaria, e inoffensiva, presa in giro. Ai tempi della prima repubblica, mi ricordo prese in giro di Andreotti e altri ben più feroci: ma erano satira, e nessuno gridava alla Lesa Maestà. Ora basta solo scrivere un post in cui si prende per i fondelli Berlusconi, che insorgi in tal modo? Madonnina mia, non state bene.
    Evidentemente, però, senti che qualcosa ti manca, dato che sei tu che vieni sul mio blog, e non viceversa.
    Cari saluti.
    😀

    Mi piace

  7. Caro Mediolungo, da quello che scrivi è chiaro che non hai letto una cippa dei vari post scritti in questo blog. Tra l’altro, non so quanta percezione della realtà possa avere chi comincia a parlare di “voi” e “noi” senza neanche spiegare a chi diavolo corrisponderebbero questi pronomi. Scusa, ma con chi e di chi diavolo stai parlando, con precisione?

    Mi piace

  8. “un” post? Alla faccia !! L’aritmetica non dev’essere il tuo forte.

    Tu sul mio blog? Non oso pensarlo, troppo onore.

    Io sul tuo? Sì, mi manca. Una battuta al giorno, mi manca mi manca.

    Mi piace

  9. Eh noto che ti manca: sei sempre qui. Ci stai più tu sul mio blog di quanto non ci stia collegata io. Un motivo ci sarà. Oltre al fatto che hai molto tempo libero, ovviamente. 😉

    Mi piace

  10. @mediolungo
    Sei Berlusconi? Perchè se no è lui che ha preso milioni di voti, non tu.E non credo sia mai stata candidata galatea, per quanto sia dichiaratamente di sinistra.
    Le teorie del complotto sono quasi sempre ridicole, ma su questioni da giornaletto scandalistico lo sono ancora di più.
    Su una cosa hai ragione: nonostante malefatte, gaffes e pagliacciate varie gli italiani preferiscono BS alla sinistra.
    Finchè lo fanno a naso turato e denti stretti li posso capire, ma difendere certe pagliacciate senza essere pagati per farlo non lo capisco proprio.
    E poi non siamo allo stadio, non c’è un “noi” ed un “voi” ben definito.Purtroppo in Italia ce lo dimentichiamo spesso.

    Mi piace

  11. esatto é lui
    e pretendo come suo elettore che gli si permetta di svolgere il programma senza le solite interferenze esterne che bloccano tutto

    mi sembra tornato il tempo in cui i progetti politici di cambiamento venivano fermati per forza e con strane e poco limpide manovre ( vedi in qeuste ore d’alema ) da gruppi più o meno trasversali che nell’ombra tramavano e tramano, tutt’ora, contro la sovranità popolare

    non c’e’ un noi ed un voi?
    In questo contesto non credo che esistano angeli senza sesso
    non fate i finti ingenui…

    Mi piace

  12. Credimi, non c’è nessun voi e nessun noi, almeno per me.Fatico molto ad identificarmi con entrambi i blocchi, al più mi capita i trovarmi d’accordo con uno dei due su qualche questione specifica, ma non molto spesso.Non è questione di fare i finti ingenui, è questione di repulsione bipartisan, almeno per me.
    Non credo che BS abbia i progetti che gli attribuisci, penso sia più attento agli affari propri, e credo che questi siano il suo vero obiettivo.Non mi sogno nemmeno di sollevare obiezioni di legittimità: le elezioni le ha vinte ed ha il diritto di governare.E non sono neppure convinto che possa far peggio di quanto farebbe Veltroni (nota agli habituè: su BS siamo d’accordo, è su VW che ho un’ opinione peggiore).Ma mi sembra che faccia tutto quel che vuole, se trascura qualcosa è perchè ha altre priorità, non certo per qualche manovra da barcaiolo.

    Mi piace

  13. @->mediolungo:
    “pretendo come suo elettore che gli si permetta di svolgere il programma senza le solite interferenze esterne che bloccano tutto”
    Sarei curiosa di sapere, caro Mediolungo, se tu consideravi parimenti “interferenze esterne” da eliminare anche le critiche dei giornali e dei politici di centro-destra all’epoca del governo Prodi. Se il tuo ragionamento fosse valido, quando è al governo il centro-sinistra “voi” (uso i temini a te cari per semplificare) dovreste allora semplicemente stare zitti, non criticare nessuno del governo e non rompere l’anima. Curiosa posizione, che immagino saresti il primo a disattendere.
    Nelle democrazie, chi sta al Governo governa – proprio come sta facendo Berlusconi in questo momento – e chi sta all’opposizione critica, ferocemente spesso, e con tutti i mezzi che ha. Criticare le azioni del governo, o la condotta del Presidente del Consiglio, non è “tramare nell’ombra”: è, appunto, esercitare il diritto di critica, consentito, in uno Stato democratico, a tutti i cittadini. Peraltro le critiche, di D’Alema o di Pinco Pallino, non bloccano affatto l’azione di governo, perché tanto Berlusconi ha in Parlamento i numeri per far passare le sue leggi. Quindi, perché t’inalberi tanto? Io non mi incazzo se tu vuoi criticare gli altri (Veltroni, D’Alema, Franceschini, chi pare a te): è un tuo diritto. Se vieni a farlo qui, e non sono d’accordo, ti spiego perché, al massimo. Berlusconi – ma anche Prodi, D’Alema o chiunque – può essere liberamente criticato, anche se avesse il 90% dei voti. Non è che perché uno ha la maggioranza tutti gli altri che non lo trovano adatto a governare devono stare zitti.

    Mi piace

  14. non sono quelle le interferenze strane a cui alludo, ma la campagna sporca contro berlusconi basata sul gossip e le scosse preannunciate da d’alema e le inchieste giudiziarie ad orologeria e le 4000 foto lasciate scattare su di un sito sensibile e coperto per modo di dire dai servizi
    é il preannuncio di un golpe per sostituirlo che é inaccettabile per chi vuole che governi 5 anni
    comunque se non sentite anche voi la puzza di zolfo vuol dire che avete le narici bruciate,che dirvi…

    Mi piace

  15. Quale campagna sporca? Ti sembra normale che si porti uno stuolo di ragazze alla sua villa per il capodanno ed inviti pure il premier ceco?
    E perchè i servizi dovrebbero occuparsi della cosa?
    Il fatto è che è un gran puttaniere, e non ama che lo si dica in giro.
    Personalmente non ho nulla contro i puttanieri, finchè le puttane sono adulte e consenzienti (e considero tale anche la Noemi, col caveat di cui sotto) e non mi piace il gossip, ma se si fa prendere in castagna mentre va a t…e non è certo colpa di qualche complotto demoplutogiudaicomassonico.
    Ecco il caveat: per la legge Noemi era incapace di decidere se darla o meno al papi, che sarebbe punibile di stupro.In questo caso mi sembra una sonora cazzata, ma la legge quello dice, e dovrebbe essere uguale per tutti.Non dimostreranno mai che abbian fatto sesso, ma il premier settantenne che va con le minorenni mi da alquanto fastidio.
    Quanto alla puzza di zolfo nella politica italiana ne sento ovunque, è ai complotti che non credo.Tra l’altro sono di gran lunga troppo incapaci per architettarne uno decente.

    Mi piace

  16. Bel titolo ”la conoscenza rende liberi”, anche il lavoro lo faceva, qualche tempo fa. Bella cosa anche quella del “voto del popolo sovrano”. Io farei un’aggiunta tipo: “voto del popolo sovrano dopo l’overdose di tivvù tossica”, ma mi dicono che non va più di moda questa cosa, che è come avere il cellulare dell’anno scorso: si è inesorabilmente out. Eppoi nessuno ci bada più a simili sottigliezze conflittuali, aggiungono. E allora, visto che nessuno ci bada e per di più neanche di moda è, sai che faccio, non lo dico, non lo scrivo, non lo immagino, neanche lo penso. E per favore, voi tutti, non leggetelo.
    In ogni caso – ritornando all’inizio – per quel che riguarda la libertà resa dalla conoscenza, io non mi fiderei molto di uno che spazia le virgole a quel modo, questo modo , ci vedo qualcosa di… troppo spaziato.

    Mi piace

  17. @->Marcello:In realtà, è stupro solo al di sotto dei 14, a 17 si può dare il consenso. Il problema non è neppure se il Premier abbia o meno commesso in questo caso un reato, ma quanto possa essere affidabile un politico che, date questo tipo di frequentazioni, diviene facilmente oggetto di ricatti e pressioni da parte delle “signorine” di turno passate per le sue ville, e dei loro parenti/famigli/”protettori” etc. Specie se queste signorine vengono invitate – anche solo per cene innocenti – con la promessa tacita o esplicita che ciò aprirà loro le porte del dorato mondo della politica, degli appalti, della televisione pubblica. La “corte dell’imperatore” non pone ai cittadini solo astratti problemi morali, ma pratici: un premier che si comporta in tal modo rischia di dover ripagare con beni pubblici (cariche, facilitazioni per gli appalti etc.) una serie di “servizi” di cui è “utilizzatore finale”, direbbe l’avvocato Ghedini, come privato. Insomma, a spese nostre e a detrimento dello Stato. Il problema è questo.

    Mi piace

  18. @Galatea
    sono d’accordo, mi ero fatto distrarre dalla novità 🙂
    Nel senso che il resto purtroppo è “business as usual”, e neppure esclusiva di BS.

    Mi piace

  19. lo spazio maggiore é quello che passa tra i due insetti che giocano a ping pong nel tuo cranio, la palla non trova ostacoli di sorta : ping pong, ping pong e così via …
    ciao cranio spazioso

    Mi piace

  20. Ringrazio per aver letto il mio commento con attenzione ed aver, poi, risposto con grande gentilezze e con una così interessante figura retorica.
    Devo confessare però di non essere molto attratto dagli sport, avrei preferito qualcosa di ecologico. O, al limite, di omeopatico.

    Mi piace

I commenti sono chiusi.