Le classe operaia va da Gad Lerner

Nel guardare Gad Lerner, che ospitava nel suo programma oltre ai soliti Chiamparino, Diamanti, Toni Negri e una manciata di Pidiellini anche due operai di Melfi, mi sono accorta di uno strano particolare: forse perché meno abituati a stare in tv, gli operai erano gli unici che rispettavano il loro turno per parlare, non interrompevano, non davano sulla voce agli altri ospiti e parlavano pacatamente, senza cercare di calcare la mano sulle loro situazioni, per quanto difficili, ed evitando di cadere nel patetico, con dignità. Insomma, erano ben educati.
Forse è par questo che la classe operaia non ha gran successo e visibilità. E’ poco televisiva.

2 Comments

I commenti sono chiusi.