Garantismo, ma non troppo

Io, in genere, sono garantista. E dunque gioire perché uno viene tradotto in carcere non mi riesce. Neppure se è un tizio che ci finisce perché ha dato un pugno ad una donna e quella, dopo tre giorni di coma, è morta. Ci sono tante cose che potrebbero fungere da attenuanti, per carità, e qua non si è giudici e nemmeno avvocati. Sarà la giustizia penale a stabilire se è colpevole, e di quale reato.

Quindi, quando vengo a sapere che i Carabinieri si sono presentati a casa dell’uomo che, con un pugno, ha molto probabilmente mandato al creatore una sventurata infermiera, incidentalmente romena (quando la vittima è straniera, l’origine è incidentale, si sa: diventa una aggravante solo se lo straniero è il colpevole), non riesco ad abbandonarmi a facili entusiasmi giustizialisti, e cerco invece di tener presente che magari anche il colpevole potrebbe avere qualche circostanza cui appellarsi per alleggerire la sua posizione.

Perché sono garantista, davvero.

Però agli amici che lo applaudono e fanno i cori, ecco, con tutto il garantismo, a quelli un bel calcio in culo lo darei.

14 Comments

  1. Pensa a me,che non sono nemmeno garantista.
    Mi basterebbero quindici minuti di poteri prefettizi d’urgenza, una brigata di carabinieri in assetto antisommossa. Ah,e un idrantuccio, che serve sempre. La tromba per i tre squilli di cui agli artt.23 e 24 T.U.L.P.S.(R.D.774/1931)?
    Bah,ne disporrei l’omissione. La carica a sorpresa fornisce,da sempre, maggiori garanzie dispersive.
    Inchino e baciamano.
    Ghino La Ganga

    "Mi piace"

  2. Io sono garantista, ma un paio di pedate nel fondoschiena a quei bulli pronti ad applaudire un omicida li darei. Se un dramma del genere mi toccasse penserei alla vendetta privata, aldilà della nazionalità dell’assassino (o della vittima). Da esterno dico grazie a chi ci ha dato una legislazione decente. Però tutti questi crimini perchè avvengono? In che società siamo finiti?

    "Mi piace"

  3. Il fatto che gli amici lo vogliano libero non mi sembrerebbe così incomprensibile, in fondo il pugile ha avuto una certa sfiga – sfiga che ha colpito, e in misura incomparabilmente maggiore, anche l’infermira, ovviamente.
    ma ho il sospetto che quelli non fossero tutti amici nel vero senso del temine, e che della libertà dell’accusato importasse loro molto meno che non dell’insultare i carabinieri e del gioire per la morte di una romena. purtroppo.

    "Mi piace"

  4. Condivido in pieno quello che hai scritto, ma la cosa più incredibile sono certi commenti degli amici. Tra questi il più incredibile è che la vittima era antipatica ed è andata a cercarsela…… Senza parole.

    "Mi piace"

  5. Anche io stentavo a credere alle mie orecchie. La cosa per me incredibile è che non li abbiamo semplicemente “oscurati”. Bastava togliere l’audio o tagliare qualche inquadratura per far rientrare quei “simpaticoni” nel novero del nulla che in realtà dovrebbero rappresentare

    Un Sorriso

    "Mi piace"

  6. condivido in pieno il finale….ma sono un po’ meno garantista di te per quello che riguarda la violenza usata verso chiunque.

    "Mi piace"

  7. Di cosa si sta parlando?
    P.S. una blogstar seria (una volta per tutte) gira con un portatile ma lavora su un fisso. E guarda la “macchina” non per quanto è carina ma per cosa le serve.

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.