Un motivo c’è sempre

La bimba, dentro al negozio, sta facendo il quarantotto.

Urla, strilla, tira calci alle scatole delle scarpe, dà in smanie. Non si capisce il perché.

La mamma cerca di calmarla: “Maila, Maila, dài, non far la cattiva, calmati!” dice.

Maila.

E io mi domandavo perché era nervosa.

11 Comments

  1. Nomen omen.
    E’ il genere di bimba che non va portata nei negozi: mai là.
    (però il nome è bellissimo, pare sia di origini hawaiane e significhi ‘splendore’)
    Pensa poi se si chiamava Malìa…

    "Mi piace"

  2. Difendo la piccola, non è colpa sua se ha quel nome e Maila non è certo fra i peggiori.

    Anche nostra figlia, che ha un nome normalissimo, ci ha costretti ad una precipitosa fuga dal negozio di scarpe. Aveva 3 anni e iniziò ad ululare modello sirena senza motivo apparente. Quel giorno era proprio *sbagliato* per gli acquisti.

    A voi non capita di non aver voglia di andare a fare shopping?

    "Mi piace"

  3. volevo fare uno dei miei solti commenti da bastian contrario – un comento che riportava un sondaggio letto mi pare sul sito del corriere – ma non lo farò. sarebbe stato sbagliato perchè inutilmente incattivito. come potrebbe sembrare il tuo post, se si volesse leggere dietro le righe un significato che forse non ha, e che sarebbe presuntuoso da parte mia volergli dare.

    (se dovessisi avere – periodo ipotetico del cinquemillesimo tipo – un bambino lo chiamerei Chrihsthian Ronaldo con tre H, per dispetto a quelli dei nomi fini. purtroppo mi piace giovanni)

    "Mi piace"

  4. mettiamo Endriu – no, anzi, anche i genitori: tutta la famiglia in gabbia – allo zoo, così che certuni possano divertirsi.

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.