La noia di Silvio

Prima passava le notti a discettare di sanità pubblica amabilmente con la Minetti, vedere film impegnati con Fede e Lele Mora, studiare come valorizzare giovani promettenti fanciulle per costruire loro un sicuro futuro politico, salvaguardare il patrimonio musicale italiano ascoltando le creazioni di Apicella.

Ora che la sera non lo può fare più, si annoia e telefona in tv.

Se scassa le balle a tutti, insomma, è colpa vostra, brutti comunisti.

14 Comments

  1. Ho letto con un paio d’anni di ritardo il post sulla puntata dei Templari di Boyager che tra l’altro, mi aveva causato all’epoca parecchi squilibri. Devo elogiare la tua preparazione, davvero sbalorditiva. Sono sempre restio quando mi imbatto in qualche blog, essendo la letteratura un fatto tutt’altro che democratico (ovviamente scherzo). Ma il modo di smontare quelle baggianate è fuori dal comune!! Esilarante e costruttivo. Che bello vedere qualcuno che pensa…
    P.S. I templari – comunque – c’entrano sempre (dice il buon Eco). Che tra l’altro, ora che ci rifletto, potrebbe aver collaborato con Giacobbo per il Pendolo di Foucault.
    Ciao,
    Luca

    "Mi piace"

  2. Postribolo, da wikipedia: “Una casa di tolleranza, anche detta comunemente bordello, casino, casa d’appuntamenti, casa chiusa, postribolo o lupanare, è un immobile, solitamente un’abitazione, in cui si esercita la prostituzione.”

    Ah, è chiaro! Parlava delle sue ville!

    "Mi piace"

  3. Ha ragione da vendere se si irrita , siamo tutti in completa confusione , non ci ricordiamo
    che è stato definito il partito dell’amore . Quindi stiamo attenti a quanto diciamo .

    "Mi piace"

  4. Se volete andare al governo dovete vincere le elezioni!!!!!!!!
    Ormai i vostri giudici (pardon gestapo) sono scesi troppo in basso per poter essere credibili!!!!
    Avete capito razza di dittatorelli!!!!!!!!!!!!!

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.