Ma magari fossero hacker

 E la cosa più incredibile è che è davvero il sito del Governo, non lo ha hackerato Spinoza.

(Mi ero sempre chiesta chi scrivesse le gaffe per Berlusconi. Ora è chiaro: il suo ufficio stampa)

9 Comments

  1. Galatea, in realtà non ti credevo. Quindi sono andato lì. E ho visto. E ho pianto. E mentre piangevo, su una lacrima che cadeva giù ho visto riflesso un link presente su quella stessa pagina. Quel link diceva: siti archeologici. E allora ho smesso di piangere. Ho detto, ma guarda, chi se lo aspettava, sulla pagina del governo italiano -sissignore- si parla di origini, della storia di questo paese. Sì, proprio così. Cos’altro vuoi che significhi siti archeologici.
    Poi ho cliccato…

    "Mi piace"

  2. Considerando la patologia mentale e il disturbo di personalità di cui soffre, una chiave di lettura potrebbe essere che si sentiva in dovere di attirare su di sè l’ attenzione, non essendo stato invitato al matrimonio del secolo (probabilmente si temeva che toccasse il culo alla sposa, o che importunasse le paggette). Il vero dramma è che i deliri di quell’ uomo sono assecondati da un intero apparato (per esempio, i tecnici incaricati di gestire il sito ufficiale del ministero).

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.