Le botte di pigrizia

Le botte di pigrizia son quelle cose per cui guardi fuori dalla finestra la nebbia che sale, non agli irti colli ma ai comignoli dei nuovi condomini di Spinola, e dici: «Chissenfrega, tanto mica devo uscire ancora per oggi!»

Le botte di pigrizia sono quelle cose per cui stai distesa sul divano, l’iPad sulle ginocchia, la tv aperta su un canale dove passano video musicali o ridipingono mobili con colori orrendi e non se ne capisce il perché, ma tu non te ne curi e non ti arrabbi, e lasci che tutto scorra in sottofondo.

Le botte di pigrizia son quelle cose che se in un pomeriggio hai fatto lo sforzo di attivare la time line nuova di Facebook pensi che per oggi s’è fatto abbastanza, e vai così.

Le botte di pigrizia son quelle cose per cui stai bene sotto le coperte, intanata, e mangiucchi dolci, e progetti menù da sperimentare, leggi, chatti, telefoni agli amici per scambiare pettegolezzi o fissare appuntamenti al cinema o al caffè, e ridi e parli, e ciao a tutto.

Le botte di pigrizia, in poche parole, sono meravigliose.

4 Comments

  1. ah, la pigrizia. E io, che avevo pure mandato una mail con una proposta di post…..adesso la censura si chiama pigrizia, capito.
    😀
    Inchino e baciamano.
    Ghino La Ganga

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.