Giustino, l’imperatore a sua insaputa

accadde oggi: 2febbraio 450 nasce Giustino I, lo zio analfabeta di Giustiniano che divenne imperatore a sua insaputa.

È sicuramente il più improbabile imperatore salito sul trono di Roma . Giustino I era un ragazzone altissimo, nato a Tauresio, vicino alla odierna Scopie. Povero in canna, con una bisaccia partì alla volta di Costantinopoli e qui fu arruolato nelle guardie reali per via della sua statura.

Analfabeta, rozzo e spiccio, non sapeva mediare ma in guerra era sveglio. Nonostante lo avessero persino messo in galera dopo una leggendaria baruffa con un superiore, che accusò di non capire una cippa (perché il carattere non gli mancava), fece carriera divenendo capo delle guardie di corte sotto Anastasio II.

Teodora, i demoni del potere, il mio prossimo romanzo disponibile dal 15 febbraio in tutte le librerie!

Alla morte dell’imperatore si aprì la lotta per la successione. Nessuno pensava a Giustino come candidato, ma il nipote Giustiniano armeggiò perché i soldi che l’eunuco Amazio aveva raccolto per favorire l’ascesa di un suo candidato fossero invece usati per eleggere Giustino. A sua insaputa. E così il rozzo analfabeta si ritrovò sul trono dei Cesari d’Oriente.

Bigotto, cattolico intransigente, perseguitò gli ariani, creando per altro un conflitto con Teodorico re dei Goti che era ariano. Ma fu talmente chiuso alle mediazioni che riuscì persino a far finire in prigione il povero papa Giovanni I, che morì per non aver saputo trovare una soluzione agli scontri religiosi.

Giustino, come Teodora e Giustiniano sarà uno dei protagonisti del mio prossimo romanzo Teodora, i demoni del potere, edizioni Piemme Mondadori, che esce il 15febbraio in tutte le librerie fisiche e negli store online. Come potete perderlo?